Serve una mano? Chiama il numero verde

CALCOLO CESSIONE DEL QUINTO: COME DEFINIRE LE RATE

Come si calcolano le rate di una cessione del quinto e come stabilire l'importo massimo che può essere richiesto. In questo articolo ti spieghiamo tutto quello che c'è da sapere.

28 Settembre 2022

3' di lettura

CALCOLO CESSIONE DEL QUINTO: COME DEFINIRE LE RATE
Il calcolo cessione del quinto non è semplice come sembra. Per prima cosa bisogna capire qual è la rata massima che si può ottenere e poi in base a questa calcolare l’importo totale del prestito. Se anche tu sei interessato al calcolo della cessione del quinto e vuoi capire meglio come effettuarlo, continua a leggere, in questo articolo ti spieghiamo tutto quello che c’è da sapere.




Cessione del quinto: come funziona


La cessione del quinto prevede una rata massima che non può superare il 20% (1/5) dello stipendio o pensione mensili netti.

Molti pensano che la base di calcolo sia il lordo mensile ma si sbagliano. Si calcola tutto a partire dal netto perché viene preso in considerazione l’effettivo reddito mensile disponibile. Vanno quindi eliminate le tasse e le ritenute fiscali di qualsiasi tipo che ogni mese lo Stato trattiene dallo stipendio e dalla pensione.

Non c’è bisogno di effettuare complicati calcoli, basta prendere in mano la propria busta paga o cedolino pensione e controllare la voce “Importo Netto”. Lì è riportato quanto percepisce il lavoratore dipendente o il pensionato in quel determinato mese.




Calcolo cessione del quinto: la rata


Una volta capita qual è la base per effettuare il calcolo, basta semplicemente dividerla per cinque e si ottiene la rata massima richiedibile.

Un dipendente con uno stipendio mensile netto di 1.500€, potrà quindi ottenere una rata massima di 300€ (1.500/5= 300).

Lo stesso tipo di calcolo vale anche per i pensionati. La differenza tra dipendenti e pensionati sta nel fatto che i primi possono affiancare alla cessione anche la delega di pagamento. Questo altro tipo di prestito permette di impegnare lo stipendio con una ulteriore rata massima, sempre pari al 20% del netto mensile. In questa maniera è possibile ottenere più liquidità.

Ovviamente il 20% dell’importo netto mensile percepito è la rata massima applicabile. Non è detto che si debba per forza impegnarlo tutto, possono essere tranquillamente scelte rate più basse.


I  Vuoi saperne di più sulla delega di pagamento? Leggi questo articolo





Calcolo cessione del quinto: l’importo massimo


Una volta calcolata la rata massima si può calcolare di conseguenza l’importo massimo ottenibile. Basta moltiplicare la rata massima per la durata del finanziamento. La cessione prevede durate standard: 24, 36, 48, 60, 72, 84, 96, 108 e 120 mesi. Da questo calcolo si ottiene l’importo lordo.

Dall’importo lordo vanno detratti una serie di costi: gli interessi, costi polizze assicurative obbligatorie per legge, eventuali spese istruttoria e oneri fiscali, eventuali commissioni dell’intermediario finanziario o della banca.

Qualora venga rinnovata una cessione preesistente, dal calcolo bisogna anche detrarre il capitale residuo necessario ad estinguere il finanziamento pregresso.

Ovviamente effettuare questo tipo di calcolo qui non sarebbe possibile, in quanto le condizioni variano in base all’ente al quale ci si rivolge.

Se però sei interessato, puoi utilizzare direttamente il calcolatore della nostra Area Clienti. Puoi configurare un finanziamento in base alle tue esigenze e ottenerlo direttamente online!

E se hai difficoltà, non preoccuparti. In ogni momento puoi richiedere l’assistenza di un nostro consulente che ti seguirà passo dopo passo in ogni fase del finanziamento.



Calcola il tuo preventivo in un minuto

  • Dipendente statale
  • Dipendente pubblico
  • Dipendente parapubblico
  • Dipendente azienda privata con più di 16 impiegati
  • Pensionato
  • Cessione del quinto
  • Delega di pagamento

Ti potrebbero interessare