Serve una mano? Chiama il numero verde

QUAL' E’ UN BUON STIPENDIO PER VIVERE IN ITALIA?

A quanto dovrebbe ammontare un buon stipendio per vivere Italia? La risposta a questa domanda dipende da una serie di fattori che vanno presi in considerazione, come ad esempio il potere d’acquisto del denaro, la composizione del nucleo familiare e anche il luogo dove si vive.

29 Novembre 2021

3' di lettura

QUAL' E’ UN BUON STIPENDIO PER VIVERE IN ITALIA?

A quanto dovrebbe ammontare un buon stipendio per vivere Italia? La risposta a questa domanda dipende da una serie di fattori che vanno presi in considerazione, come ad esempio il potere d’acquisto del denaro, la composizione del nucleo familiare e anche il luogo dove si vive. Se vuoi scoprire di più sull’argomento non dovari fare altro che proseguire nella lettura.

Un buon stipendio per vivere in Italia: da cosa dipende?

Come anticipato in apertura, per capire qual’è un buon stipendio per vivere in Italia bisogna prendere in considerazione diversi fattori.

Per prima cosa bisogna considerare il potere di acquisto del denaro, che varia notevolmente da nord a sud. Uno stipendio di 1.500 euro ha un “valore” differente se percepito da chi abita in Nord Italia o da chi abita in Meridione, dal momento che qui la vota costa di meno. Il costo della vita è un altro elemento da tenere in considerazione. E’ la somma spesa da una famiglia per i suoi consumi (generi alimentari, affitto, bollette, carburante etc.) Il costo della vita è addirittura differente in ogni centro abitato, come riporta la classifica dell' Unione Nazionale Consumatori: prima dell’emergenza sanitaria i centri più cari erano Bolzano, Milano e Roma, mentre agli ultimi tre posti si piazzavano Bologna, Novara e Vicenza. Va da sé che per vivere bene a Milano occorre uno stipendio più alto che per vivere bene a Bologna.

Altro elemento da tenere in considerazione è la composizione del nucleo familiare. Se si hanno figli a carico è necessario uno stipendio più alto per poter vivere bene.

Quanto si deve guadagnare per vivere bene se non si ha famiglia

Dopo aver fatto le giuste premesse possiamo finalmente rispondere a questa domanda. Per prima cosa partiamo dal singolo individuo. Dal momento che il costo della vita varia da centro abitato a centro abitato, prenderemo in considerazione la città di Milano, una delle più costose in Italia.

Studi recenti effettuati su un paniere di consumatori hanno evidenziato che lo stipendio minimo per poter vivere bene in una città con le caratteristiche di Milano è di 1500 euro. Questo stipendio permette di far fronte in tranquillità a tutte le spese ordinarie, che concorrono al costo della vita, e di poter tenere qualcosa da parte.

Un buon stipendio per vivere in Italia: le famiglie

Per le famiglie il discorso è diverso. In questo caso bisogna prendere in considerazione il reddito globale. Secondo gran parte degli studi sull’argomento, il reddito minimo per una coppia con due figli dovrebbe essere compreso tra 3.000 e 3.500 euro al mese.

Questi guadagni permetterebbero di acquistare con tranquillità tutti i beni e i servizi che secondo i ricercatori rientrano nel bisogno minimo del nucleo familiare.

Il paniere del bisogno minimo comprende:

  • una camera per ogni bambino di genere diverso e maggiore di 6 anni
  • un'auto usata
  • due settimane di vacanza
  • pratiche culturali e sportive
  • poter invitare amici e offrire regali
  • il cibo, l'abbigliamento, la cura e l'igiene personale

Per i pensionati e le famiglie senza figli invece il bisogno minimo comprende anche una camera per gli ospiti e una settimana di vacanza.

Gli stipendi più alti

In Italia, studi recenti hanno evidenziato come una delle categorie con i migliori redditi sia quella dei medici. In particolare, i medici convenzionati godono anche di un'importante agevolazione. Possono accedere alla cessione del quinto per medici convenzionati, un prestito che non ha bisogno di garanzie e che permette facilmente di ottenere la liquidità necessaria per piccoli e grandi progetti.

Calcola il tuo preventivo in un minuto

  • Dipendente statale
  • Dipendente pubblico
  • Dipendente parapubblico
  • Dipendente azienda privata con più di 16 impiegati
  • Pensionato
  • Cessione del quinto
  • Delega di pagamento

Ti potrebbero interessare